Roccamorice

Informazioni

Sindaco: Alessandro D'Ascanio
Abitanti: 948
Coordinate: 42°13′N 14°02′E
Altitudine: 520 m s.l.m.
Comuni Confinanti: Abbateggio, Caramanico Terme, Lettomanoppello, Pennapiedimonte (CH), Pretoro (CH)

Numeri Utili

Indirizzo: Via De Horatiis, 1 65020 - Roccamorice (PE)
Sito Web: Link
Tel: 085 8572132  
Fax: 085 8572358

 

Come Arrivare

N/D

Storia

è un borgo posto a 524 metri sul livello del mare . Il paese è situato sulla sommità di una rupe scoscesa di forma triangolare. Questa grande roccia viene solcata alla base dal torrente Capo La Vena e dal Fosso Lannelle che affluiscono poi al torrente Lavino . La popolazione supera i 1.000 abitanti ed il comune dispone di una superficie territoriale di 24,65 Kmq. E giunge fino ai 2.050 m. sul livello del mare del monte capo d’Acqua. La presenza dell’uomo nella zona risale al Paleolitico con l’industria litica presente nel giacimento della Valle Giumentina, posto tra i valloni dell’Orfento e di S. Spirito . Ulteriori reperti dello stesso periodo sono stati rinvenuti nella località di Piano delle Felci e di Colle Fiume1 .Altri reperti del Paleolitico Superiore e del neolitico (frecce schegge etc.) sono stati rinvenuti nei pressi del Vallone di S. Spirito, nella zona adiacente all’eremo di S. Bartolomeo. Delle pitture rupestri sono state individuate nei ripari sotto roccia degli eremi di S. Spirito e di S. Bartolomeo . Si sa che in epoca preromana la zona era abitata dalla popolazione italica dei Marrucini . La prova è data dal rinvenimento dei resti di un centro fortificato ubicato a Colle Civita di Roccamorice (m. 1.185) . In località S. Giorgio le fonti medievali ci attestano la persistenza del toponimo prediale romano Flagiano (Fladius) . In località S. Spirito sono stati rinvenuti i resti di un eremo medievale ed altomedievale. Anche nella località Block – haus è stato rinvenuto un giacimento pre – protostorico con dei manufatti litici attribuibili all’età del Bronzo 2. Le prime fonti documentate su Roccamorice, secondo gli studiosi3 sono nel “Catalogus Baronum” (anni 1150 – 1168) nella forma “et Rocce Morici” e poi nelle forme “clerici Rocce Morici” (1308) e “de Rocc(h)a Morici (anni 1324 – 1326) nei “Rationes decimarum) . Il nome comprende un composto del nome “rocca” ed indica una rupe, ma in epoca medievale il termine significava “fortezza” cittadella di altura ed il nome Mauricius poteva indicare il feudatario locale proprietario della rocca. Roccamorice può vantare il monastero eremitico di S. Bartolomeo de Legio, di osservanza celestiniana, ed il monastero benedettino di S. Spirito a Maiella (S. Spirito de Magella, posto a circa 8 Km. dall’abitato a 1.130 m. di altitudine e già esistente durante l’XI secolo. In tale monastero soggiornò nel 1053 l’abate Desiderio, futuro Papa Vittore III , proveniente dal Monastero di S. Liberatore a Maiella. In località S. Giorgio vi è la grangia di S. Giorgio in Roccamorice, dipendenza già benedettina di S. Spirito, citata nella Bolla di Papa Gregorio X (1274) e Celestino V (Settembre 1294)4. Nella grangia di S. Giorgio vi soggiornò a lungo il beato Roberto di Salle, priore di S. Spirito. S. Spirito venne scelto anche da Pietro Angelerio, (Pietro da Morrone, futuro Papa celestino V) quale sede spirituale della “Congregazione dei Fratelli dello Spirito santo” poi “Celestini”. La sede principale dell’Ordine passò poi a S. Spirito del Morrone sul versante di Sulmona.

Attrazioni principali

NomeDescrizioneVia TelefonoSito Web
LUOGHI
CHIESE
Chiesa di San Donato
Eremo di S. Spirito 085 8572132

 

Ristoranti

Nome ViaLocalità TelefonoAltro
Ristorante La TelefericaVia Passolanciano, 14 Lettomanoppello085 8579011
La Locanda Della Pietra CarrataVia Passolanciano, 22 Lettomanoppello085 8570728
Trattoria L'IconicellaVia Passo lanciano, 8Lettomanoppello085 8579016

 

Contattaci